Il Baltic dry index rimbalza dai minimi di febbraio

18 Maggio 2016, di Alberto Battaglia

L’indice Baltic Dry, che traccia i costi di noleggio delle navi cargo per il trasporto delle materie prime, ha raggiunto una quota doppia a 579 punti rispetto ai minimi storici sperimentati a febbraio. L’indicatore è considerato fra i principali nell’analisi della domanda di materie prime, il calo degli ultimi mesi era stato attribuito, fra le altre cose, al rallentamento dell’economia cinese, fra i principali importatori di commodity. Altri aspetti coinvolti sono il calo dei prezzi del petrolio, che rende più economici i trasporti. L’elevata volatilità dell’indice non permette, tuttavia, di dedurre consistenti inversioni di tendenza nella domanda di commodity.