Greenpeace & Co: attivisti lanciano campagna contro mining Bitcoin. “Cambiare il codice”

29 Marzo 2022, di Redazione Wall Street Italia

Il massiccio consumo di energia nel mining è uno dei frequenti motivi di critica nei confronti della regina delle criptovalute, il Bitcoin che in cinque anni, se non si fa qualcosa, potrebbe arrivare a  consumare tanta energia quanto il Giappone. A lanciare l’alert questa volta è il cripto miliardario Chris Larsen che si è unito ad una serie di associazioni ambientaliste, tra cui la più famosa Greenpeace in una campagna nuova dal titolo “Cambiamo il codice, non il clima”.

La campagna lanciata da Greenpeace

Fine ultimo è fare pressione sulla comunità Bitcoin affinchè modifichi il modo in cui ordina le transazioni che già oggi consuma tanta energia quanto la Svezia. La campagna coordinata da Environmental Working Group, Greenpeace USA e diversi gruppi che lottano contro gli impianti di estrazione di bitcoin nelle loro comunità, chiede al bitcoin di cambiare il modo in cui i token sono estratti. Il codice software che usa bitcoin – conosciuto come “proof of work” – richiede l’uso di enormi matrici di computer per convalidare e proteggere le transazioni.

La criptovaluta rivale Ethereum sta passando ad un altro sistema – “proof of stake” – che ridurrà il suo uso di energia del 99%. Nel modello proof of stake, i minatori impegnano le loro monete per verificare le transazioni e aggiungere informazioni imprecise porta a sanzioni. Gli organizzatori della campagna sostengono che il Bitcoin deve seguire l’esempio o trovare un altro metodo meno energetico per l’estrazione. “Questo è un grosso problema”, ha detto Michael Brune, direttore della campagna ed ex direttore esecutivo del Sierra Club. Gli Stati Uniti ora guidano il mondo del mining di criptovalute dopo che la Cina ha lanciato un giro di vite lo scorso maggio. “Gli impianti di carbone che erano inattivi o destinati ad essere chiusi sono ora rianimati e dedicati esclusivamente all’estrazione di bitcoin. Gli impianti di gas, che in molti casi erano sempre meno competitivi dal punto di vista economico, sono ora dedicati al bitcoin mining. Lo stiamo vedendo in tutto il paese”, ha detto Brune che ha aggiunto: “Non c’è modo di raggiungere i nostri obiettivi climatici se stiamo rilanciando gli impianti a combustibile fossile”. Alcuni minatori di bitcoin hanno recentemente iniziato ad alimentare le loro operazioni utilizzando energia rinnovabile dal vento e dal sole. Ma senza una modifica al codice, il problema fondamentale rimarrà che il codice di bitcoin “incentiva il massimo uso di energia”, ha detto Chris Larsen, fondatore e presidente esecutivo della società di criptovalute Ripple e attivista ambientalista.

“Uno “scenario da incubo” se il mondo arriva a un futuro rinnovabile in Cina, negli Stati Uniti e nell’Unione europea, ma i paesi ricchi di combustibili fossili passino all’estrazione di bitcoin per mantenere le loro operazioni in funzione.   “Immaginate i sauditi seduti su tutto quel petrolio, che ha un costo di circa ½ centesimo per kilowattora – nessun rinnovabile può eguagliarlo”, ha detto Larsen. “Il mining di Bitcoin potrebbe essere questo motore di monetizzazione senza fine per i combustibili fossili. Sarebbe un incubo”. La campagna sarà lanciata con pubblicità digitale sul Wall Street Journal, New York Times, Marketwatch, Politico, Facebook e altre pubblicazioni.