Glencore: tagli a debito e investimenti, titolo +10% in Borsa

10 Dicembre 2015, di Alessandra Caparello

BAAR (WSI) – Taglio del debito netto più di quanto previsto entro la fine del 2016 per Glencore, il colosso minerario anglo-svizzero che ha fissato un nuovo obiettivo per il debito a 18-19 miliardi di dollari dai precedenti 20 miliardi.

La strategia annunciata dal colosso include anche il taglio della produzione di piombo, carbone, rame e zinco e la possibile vendita di asset.

Il gruppo leader mondiale nella produzione e commercio di materie prime ha previsto un ebitda 2016 a 7,7 miliardi di dollari, nonché un ulteriore riduzione degli investimenti (capex): 5,7 miliardi nel 2015 (dalla precedente stima di 6) e 3,8 miliardi nel 2016 (da 5). Secondo altre indiscrezioni, Glencore potrebbe anche lanciare un’operazione di Ipo avente per oggetto il business di asset agricoli.

I mercati guardano con favore alle notizie annunciate, premiando il titolo, che balza oltre +10%. Il titolo oscilla tuttavia ancora al di sotto di 92 pence, ben al di sotto dei 520 pence a cui era scambiato nel 2011.