Giornata pesante per le borse europee, Milano lascia il 3,28%

30 Luglio 2020, di Alberto Battaglia

Si chiude con un bilancio fortemente negativo la seduta del 30 luglio, segnata da un’infelice serie di risultati trimestrali (in particolare per il comparto energetico) e dalla pubblicazione dei dati sul Pil statunitense (protagonista di un calo record nel secondo trimestre). Piazza Affari ha archiviato la seduta con un calo del 3,8% a 19.228,47 punti. Nel listino principale sprofondano Eni (-7,36%) e Saipem (-6,55%), seguite da Unipol e Banco Bpm (entrambe con ribassi superiori al 6%)

Nel resto d’Europa i risultati non sono stati più teneri: l’Euro Stoxx 50 ha chiuso la giornata in calo del 3,03%.

La maglia nera è toccata al Dax tedesco (-3,65%) anche se sono stati ingenti le perdite anche per il Ftse 100 britannico (-2.46%) e per il Cac40 francese (-2,36%).