Giappone: crolla export, Bank of Japan in allerta

20 Giugno 2016, di Alessandra Caparello

TOKYO (WSI) – Nuovo tonfo per l’export del Giappone che nel mese di maggio registra un brusco calo, peggio del previsto. La Bilancia commerciale infatti ha chiuso in calo di 40,7 miliardi di yen rispetto al disavanzo di 215,3 miliardi dell’anno scorso, mentre gli analisti stimavano un surplus di 26,5 miliardi.

A pesare l’eccessivo apprezzamento dello yen e la crisi dei paesi emergenti che spingono la Bank of Japan a lanciare nuove misure di sostegno all’economia nipponica. Le esportazioni sono scese per l’ottavo mese di fila, segnando un calo dell’11,3% dal -10,1% di aprile e rispetto al -10,4% atteso dagli analisti.

Hanno inciso negativamente le esportazioni verso la Cina e quelle verso gli Usa che calano entrambe rispettivamente del 14,9 e del 10,7%. In flessione forte anche le importazioni, che segnano un -11,3% in linea con le attese del mercato, segnando il 17esimo calo consecutivo.