Già finita euforia Bolsonaro, in Brasile torna lo spettro della recessione

31 Maggio 2019, di Mariangela Tessa

È già finita l’ondata di ottimismo che ha travolto il Brasile dopo l’elezione del nuovo presidente Bolsonaro. Sul Paese sudamericano si è riaffacciato lo spettro della recessione. Lo dimostra l’andamento del Pil del primo trimestre dell’anno, diminuito dello 0,2% rispetto all’ultimo trimestre dello scorso anno, secondo i dati dell’Istituto brasiliano di geografia e statistica (Ibge).

Si tratta del primo calo registrato dal quarto trimestre del 2016. Il dato negativo del Pil nel primo trimestre alimenta il rischio che un calo possa registrarsi anche nel secondo trimestre, portando il Brasile ufficialmente in recessione.