Generali: con green bond debito ridotto per 250 milioni

24 Settembre 2019, di Mariangela Tessa

Generali ha concluso il riacquisto di tre serie di bond subordinati con prima data di ‘call’ nel 2022 per un importo nominale complessivo di 1,5 miliardi, pari al 59,1% dei 2,56 miliardi che costituiscono l’importo nominale complessivo di titoli in circolazione.

Lo ha annunciato il gruppo il Leone di Trieste che ha collocato un nuovo prestito Tier 2 a scadenza 2030 da 750 milioni di euro, emesso sotto forma di ‘green bond’ (obbligazione verde), che ha raccolto ordini totali per 2,7 miliardi, pari a circa 3,6 volte l’offerta.

Il direttore finanziario Cristiano Borean, ha commentato:

‘Queste due operazioni ridurranno il nostro debito esterno per circa 250 milioni. Inoltre, esse condurranno a una riduzione delle spese annue lorde per interessi di circa 68 milioni, il che significa che il Gruppo supererà il valore più alto del target di riduzione di spese per interessi di 70-140 milioni annunciato l’anno scorso. Questi due importanti obiettivi sono stati raggiunti in meno di un anno dal loro annuncio. Sono inoltre particolarmente contento dell’accoglienza positiva ricevuta dal nostro primo green bond, chiara testimonianza del fatto che la Sostenibilità fa concretamente parte del nostro modello di business’.