Generali arriva nuovo piano targato Donnet: dividendi fino a 5,6 miliardi  

15 Dicembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

 

 

‘Lifetime Partner 24: Driving Growth’. È stato battezzato così il nuovo piano triennale di Generali approvato dal consiglio di amministrazione del gruppo. Una strategia triennale che “prevede di conseguire una crescita sostenibile sia attraverso le attività chiave sia attraverso nuove tipologie di business, grazie alle solide basi poste a partire dal 2016″.

Il nuovo piano: i dettagli

Il big assicurativo, che presenterà oggi al mercato il nuovo piano, ha indicato gli “ambiziosi target al 2024 basati sulla crescita sostenibile” che prevedono “una forte crescita degli utili, +6% – 8% il range del tasso annuo composto di crescita dell’utile per azione (2021-24)”. I flussi di cassa netti disponibili a livello della Capogruppo sono attesi essere superiori a quota 8,5 miliardi. Previsto inoltre un aumento dei dividendi, per assicurare tra i 5,2 – 5,6 miliardi di dividendi cumulativi rispetto ai 4,5 miliardi del piano passato (2019-21).

Il nuovo piano ‘Lifetime Partner 24: Driving Growth’, si legge nel comunicato, sarà incentrato su tre pilastri strategici. In primis una crescita sostenibile, con una crescita superiore al 4% della raccolta premi nel danni non auto (Cagr 2021-24) e 2,3 – 2,5 miliardi di valore della nuova produzione al 2024 (rispetto agli 1,9 miliardi del 2020). Si punta poi a migliorare il profilo degli utili e questo avverrà con 2,5 – 3 miliardi “di flusso di cassa libero discrezionale da reinvestire su iniziative finalizzate alla crescita profittevole e alla creazione di valore, comprese operazioni di M&A nel business assicurativo e nell’asset management. Atteso anche un incremento di100 milioni dei ricavi da terze parti nell’asset management.

Per quanto riguarda invece il capitolo tecnologia, il gruppo assicurativo punta, inoltre, a “guidare l’innovazione”, con 1,1 miliardi di investimenti nella trasformazione digitale e tecnologica (2022-24), con un aumento del 60% rispetto a Generali 2021.

Entro il 2024 Generali completerà l’integrazione dei criteri ESG negli investimenti diretti del portafoglio gestioni separate, ridurrà del 25% le emissioni di anidride carbonica del suo portafoglio di azioni e obbligazioni societarie e, sul totale della raccolta, aumenterà la componente dei premi generati da prodotti a valenza sociale e ambientale tra il 5% e il 7% (CAGR) al 2024.

Generali: ceo Donnet, “con nostro nuovo piano faremo ulteriore salto di qualità”

“Con il nostro nuovo piano faremo un ulteriore salto di qualità e confermeremo Generali come un gruppo innovativo focalizzato sui clienti e sull’utilizzo dei dati. Gli ambiziosi obiettivi e le iniziative che abbiamo annunciato oggi sono possibili grazie al successo dei nostri precedenti piani strategici”. A dirlo Philippe Donnet, group ceo di Generali sottolineando che oggi Generali ha una solida posizione finanziaria e patrimoniale, fonti di utile diversificate, una crescita costante e profittevole e una comprovata capacità di generare ritorni per gli azionisti ai vertici del settore. “Siamo pronti a costruire i prossimi tre anni a partire da questi risultati – aggiunge Donnet -. La nostra leadership nel settore assicurativo, le capacità nell’asset management che abbiamo sviluppato e consolidato internamente, la nostra rete di 165.000 agenti digitalizzati e il nostro impegno crescente nel dare un contributo positivo in ambito sociale e ambientale, dimostrano che Generali è nella posizione ideale per raggiungere una crescita sostenibile a beneficio di tutti gli stakeholder”.