Ftse Mib chiude a oltre +2%, volano banche ed utility

6 Dicembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Le confortanti indicazioni circa il basso tasso di ospedalizzazione causato dalla variante Omicron hanno sostenuto oggi i mercati azionari. L’indice Ftse Mib segna in chiusura +2,16% a quota 26.498 punti. Da ricordare che questa settimana Piazza Affari negozierà regolarmente anche mercoledì 8 dicembre (Festa dell’Immacolata).

Tra le blue chips di Piazza Affari giornata positiva per i titoli oil (+2,35% ENI) in scia all’intonazione positiva del petrolio. Tra le banche in evidenza Unicredit (+2,7% a 11,43 euro) che giovedì 9 dicembre presenterà il nuovo piano strategico. Oggi gli analisti di JP Morgan hanno promosso l’azione a overweight con tp salito a 15 euro. Bene anche Banco BPM (+3,02%) su cui la stessa JPM ha alzato il prezzo obiettivo da 3,1 a 3,2 euro. La migliore in assoluto tra le banche è stata però Intesa Sanpaolo con +3,1% a 2,213 euro.

Molto bene anche le utility con +3,6% di Italgas, +2,92% Terna e +2,46% Snam. Forti acquisti anche su Enel (+3,02% a 6,723 euro) che venerdì sera ha annunciato il completamento della cessione della quota del 50% detenuta in Open Fiber ottenendo una plusvalenza di oltre 1,76 miliardi.

Enel intanto ha annunciato di aver ottenuto dall’Australian Energy Regulator l’autorizzazione ad operare nella vendita al dettaglio di energia.