Fondi comuni, a gennaio raccolti quasi $14 miliardi

12 Febbraio 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) -Alla luce dell’intensificarsi della volatilità dei mercati e di un rallentamento delle previsioni sulla crescita globale, nel mese di gennaio a livello globale gli ETP hanno raccolto 13,9 miliardi di dollari.

Sono i dati di BlackRock, secondo cui “la turbolenza nei mercati azionari globali ha portato molti investitori ad orientarsi su asset class tradizionalmente poco rischiose, tra cui i titoli governativi dei Paesi sviluppati”.

In particolare, i treasury statunitensi hanno registrato flussi positivi per 9,1 miliardi di dollari, archiviando il terzo miglior mese per flussi negli ultimi cinque anni, ponendo quindi le basi per il superamento del record annuale di 14,4 miliardi di dollari del 2009.

I previsti stimoli monetari della Banca Centrale Europea e della Banca del Giappone hanno orientato i flussi verso i fondi azionari giapponesi ed europei, che a livello complessivo hanno registrato rispettivamente entrate per 5,2 miliardi di dollari e 2,4 miliardi di dollari.

In Europa le dichiarazioni della Banca Centrale Europea hanno portato a 1,8 miliardi di dollari di afflussi per fondi azionari europei ad esposizione allargate. I fondi azionari sul mercato del Regno Unito hanno attratto 821 milioni di dollari. Gli obbligazionari governativi sono stati preferiti dagli investitori per aggiustamenti tattici “risk-off” dei portafogli, con flussi positivi pari a 1,4 miliardi di dollari. Tuttavia, questi sono stati parzialmente compensati dai deflussi nel segmento creditizio (- 663 milioni di dollari).