Fmi conferma tensioni nella zona euro. E sostiene politica espansiva della BCE

12 Luglio 2019, di Mariangela Tessa

Il Fondo monetario internazionale conferma la presenza di crescenti rischi derivanti dalle tensioni commerciali, dalla Brexit e dall’Italia. È quanto emerge nel report annuale, l’ultimo sull’eurozona prima che il direttore generale del Fmi Christine Lagarde passi alla guida della Bce a novembre, in cui l’istituto di Washington ha dichiarato che i piani dell’istituto europeo di politica monetaria per mantenere una politica monetaria accomodante sono “vitali” mentre la zona euro dovrà affrontare “un lungo periodo d’indebolimento della crescita e di inflazione”.