Fitch: dopo banche venete cresce pressione sulla cessione di Npl

29 Giugno 2017, di Alberto Battaglia

La pressione sulle banche dell’Eurozona affinché dismettano i propri Npl è destinata a crescere, dopo le esperienze della messa in liquidazione delle banche venete e il salvataggio di Banco Popular Espanol: lo scrive Fitch in un report in cui si segnala come siano le banche greche e cipriote quelle più a rischio.

“In Italia il problema dei crediti deteriorati è andato crescendo durante un lungo periodo recessivo e solo di recente l’economia ha iniziato a dare alle banche un po’ di respiro per affrontare questa eredità. Se la massiccia cartolarizzazione di Npl prevista da UniCredit e sostenuta dal suo recente aumento di capitale e da Banca Monte dei Paschi di Siena come parte della sua ricapitalizzazione precauzionale dovessero essere lanciati con successo nel prossimo mese, riteniamo che anche altre banche potrebbero prendere la strada delle cartolarizzazioni per ridurre lo stock di Npl. Ma le grandi operazioni di vendita e cartolarizzazione di Npl sono difficili da portare a termine e nessuna di queste grandi operazioni già annunciata è stata ancora ufficialmente portata a termine”.