Fed: Fomc taglia stime Pil Usa 2021, le migliora per 2022-2023. Per quest’anno vede inflazione più alta

23 Settembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Nell’annunciare la decisione sui tassi sui fed funds Usa, lasciati nel range compreso tra lo zero e lo 0,25%, il Fomc – braccio di politica monetaria della Fed – ha diramato anche le nuove stime sul Pil e sull’inflazione Usa.

La Commissione prevede ora che il Pil Usa salga del 5,9% nel 2021, rispetto al +7% stimato a giugno.

Rivisto invece al rialzo l’outlook per il 2023, dal +3,3% precedentemente atteso al +3,8%. Per il 2023, la crescita economica attesa è stata migliorata dello 0,1%, al 2,5%. L

e proiezioni della Fed confermano anche un’inflazione più forte rispetto all’outlook di giugno.

L’inflazione core è vista salire al tasso del 3,7% quest’anno, rispetto al +3% precedentemente atteso. Includendo le componenti volatili rappresentate dai prezzi energetici e dei beni alimentari, il Fomc stima un tasso di inflazione generale del 4,2% nel 2021, rispetto al +3,4% previsto a giugno.

Per gli anni 2022-2023, l’inflazione core è attesa a +2,3% (rispetto al precedente outlook +2,1%), e al 2,2%, lo 0,1% in più rispetto alle precedenti previsioni.

L’inflazione generale è invece attesa al +2,2% per il 2022-2023, quasi in linea con le stime di giugno.