13:56 mercoledì 31 Luglio 2019

FCA chiude il secondo trimestre con risultati forti. Confermati i target 2019

Ricavi netti in calo del 3% a 26,741 miliardi di euro per Fca nel secondo trimestre mentre l’utile netto delle continuing operation tocca 0,8 miliardi di euro, utile netto adjusted a 0,9 miliardi di euro, EBIT adjusted a 1,5 miliardi di euro e margine al 5,7%.

Free cash flow industriale delle continuing operation a 0,8 miliardi di euro, comprensivo di esborsi per 0,4 miliardi di euro accantonati nel 2018 in relazione alle controversie sulle emissioni dei motori diesel negli Stati Uniti, nonché maggiori investimenti. Consegne globali complessive sono state pari a 1.157.000 veicoli, in flessione dell’11%. Secondo trimestre record in Nord America, per il gruppo guidato da Mike Manley, con EBIT adjusted a 1.565 milioni di euro e margine all’8,9%, nonostante la significativa riduzione dello stock presso la rete di vendita.

“Continua la forte performance in Nord America e in LATAM. La robusta domanda per i nostri nuovi prodotti ed i passi compiuti per gestire con disciplina le nostre attività hanno generato la spinta per conseguire i target del 2019”.

 

Breaking news

07:19
Intesa SanPaolo lancia piano buyback da 1,7 miliardi dopo via libera Bce e assemblea. I dettagli

L’approvazione del piano di buyback è stata inoltre approvata dall’assemblea degli azionisti il 24 aprile scorso, come già comunicato al mercato.

07:00
Compagnia dei Caraibi non attuerà piano di ristrutturazione controllata Elephant Gin, posticipa approvazione bilancio 2023

Il gruppo ha annunciato inoltre, sulla scia dei “pareri acquisiti dai propri consulenti legali, di ritenere che vi siano fondate ragioni per considerare non dovuto il pagamento della terza e ultima tranche ai soci venditori di Elephant Gin per l’acquisto delle rimanenti azioni ai sensi del contratto di compravendita”.

27/05 · 17:39
Finale positivo a Piazza Affari (+0,79%), acquisti su Saipem e Tim

Giornata positiva per Piazza Affari, con Wall Street chiusa per festività. Cresce l’attesa per inflazione UE, Pce core e meeting Opec+

27/05 · 17:03
Israele, la Banca Centrale lascia il tasso di interesse al 4,5%

La Banca centrale di Israele ha deciso di mantenere il tasso di interesse invariato al 4,5%, concentrandosi sulla stabilizzazione dei mercati e sulla riduzione dell’incertezza economica durante la guerra. La politica monetaria dipenderà dall’andamento dell’inflazione, dalla stabilità dei mercati finanziari e dall’attività economica.

Leggi tutti