Facebook vuole creare un suo metaverso e apre in Ue selezione di 10mila ingegneri

18 Ottobre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Facebook prevede di assumere 10.000 persone nell’UE per costruire la sua visione di un mondo digitale, il “metaverso”. Il gigante dei social media ha detto che assumerà ingegneri altamente qualificati in Germania, Francia, Italia, Spagna, Polonia, Paesi Bassi e Irlanda.

Cos’è il metaverso voluto da Facebook

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha delineato la sua visione di metaverso a luglio. Il metaverso è un termine usato per descrivere mondi digitali in cui più persone possono interagire all’interno di un ambiente 3D. Facebook ha recentemente svelato quello che ha chiamato il suo primo passo nel metaverso, ossia un’app di collaborazione lavorativa dove le persone si riuniscono in una realtà virtuale. Anche altre aziende, tra cui Microsoft, Roblox e Epic Games stanno investendo pesantemente nelle loro versioni del metaverso.

“L’Europa è enormemente importante per Facebook”, hanno detto Nick Clegg, capo degli affari globali di Facebook, e Javier Olivan, vice presidente dei prodotti centrali, in un post sul blog domenica sera.

“Dalle migliaia di dipendenti nell’UE, ai milioni di imprese che utilizzano le nostre applicazioni e strumenti ogni giorno, l’Europa è una grande parte del nostro successo, come lo è Facebook nel successo delle aziende europee e l’economia più ampia.” “Mentre iniziamo il viaggio per portare il metaverso alla vita, la necessità di ingegneri altamente specializzati è una delle priorità più urgenti di Facebook”, hanno detto Clegg e Olivan. “Non vediamo l’ora di lavorare con i governi di tutta l’UE per trovare le persone giuste e i mercati giusti per portare avanti questo progetto, come parte di un’imminente campagna di reclutamento in tutta la regione”. Tuttavia, la notizia arriva in un momento turbolento per Facebook.

L’azienda è stata oggetto di una serie di rapporti investigativi da parte del Wall Street Journal che ha rivelato una ricerca interna della società circa l’impatto negativo della sua app Instagram sugli adolescenti e le esenzioni per gli individui di alto profilo dalle sue regole. All’inizio di questo mese, Frances Haugen, un informatore che ha fatto trapelare i documenti interni, ha testimoniato in un’udienza del Congresso degli Stati Uniti. Haugen ha accusato la leadership della società di mettere “profitti astronomici prima delle persone”, un’accusa che Zuckerberg ha successivamente respinta come “semplicemente non vera”.