Eurozona, indice Pmi servizi ritoccato al ribasso ma comunque positivo

5 Aprile 2017, di Daniele Chicca

Gli indici Pmi del settore dei servizi dell’area euro sono stati rivisti al ribasso in molti casi, come in Francia, ma rimangono risultati solidi. L’Eurozona ha registrato quindi un risultato inferiore alle attese, di 56 punti contro i 56,5 stimati, ma nel complesso soddisfacente. Il livello di 56,5 punti era anche quello della stima preliminare.

La lettura finale dell’indice composito PMI è pari a 56,4 punti (da quota 56,7 della stima preliminare e rispetto al 56,7 atteso) e si può ritenere convincente, dice Markit nel commentare i dati. Da fine 2016 in Eurozona il trend è positivo, come si vede bene nel grafico riportato. In generale si può affermare che la crescita è buona: si trova in prossimità dei massimi di sei anni, spinta dai risultati di Germania e Francia. Con 55,6 punti registrati nel settore dei servizi, la locomotiva europea non ha deluso le attese a marzo. L’indice composito si è attestato a 57,1 punti, a fronte della stima flash e delle attese di mercato di 57.