17:20 lunedì 7 Maggio 2018

Europa controcorrente: M&A in crescita a doppia cifra nel 2017

Le operazioni di M&A europee hanno fatto registrare un anno straordinario nel 2017 rispetto al 2016 mentre l’attività a livello mondiale risulta diminuita del 3% in valore e dell’1% in volume. E’ quanto si legge nella decima edizione annuale dell’European M&A Study 2018, in cui CMS analizza oltre 3.650 operazioni; A fini comparativi, i dati sono stati suddivisi sulla base di quattro Regioni europee: il Benelux, l’Europa centrale e orientale, i Paesi di lingua tedesca e l’Europa meridionale. La Francia e il Regno Unito sono state invece, esaminate individualmente. Supportato da una solida ripresa economica a livello europeo, il valore complessivo delle operazioni in Europa è cresciuto del 14% rispetto al 2016 raggiungendo i 929,3 miliardi di dollari. I cambiamenti strutturali derivanti dalla politica dell’”America First” del Presidente Trump, e dalla Brexit, unitamente alla solida performance dell’economia nell’eurozona, continuano ad attrarre investitori esteri, in particolare dagli Stati Uniti e dall’Asia. I dati sulle operazioni previste per il 2018 indicano che i livelli di attività stanno continuando ad aumentare proseguendo il trend del 2017, e lasciano presagire un altro anno di crescita per l’M&A.

Breaking news

17:39
Piazza Affari chiude a -0,6%, Saipem sugli scudi (+4%)

Finale negativo a Piazza Affari, con Saipem in controtendenza. A Wall Street focus sulla Fed in attesa delle minute e dei conti di Nvidia

16:29
Wall Street, apertura cauta: S&P -0,15%

Apertura poco mossa dei mercati a Wall Street in attesa della trimestrale di Nvidia e dei verbali della Federal Reserve.

15:30
Nintendo acquisisce lo sviluppatore di videogiochi Shiver Entertainment

Il colosso giapponese dei videogiochi Nintendo ha annunciato l’acquisto dello sviluppatore americano Shiver Entertainment da Embracer Group, con impatto minimo sui risultati finanziari dell’anno fiscale in corso.

15:29
Petrolio, prezzi in calo: Brent a -1,42%, WTI scende dell’1,59%

I futures sugli indici petroliferi registrano un calo a causa delle previsioni di tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti per un periodo prolungato, influenzati dall’inflazione persistente. Il Brent e il WTI hanno visto una diminuzione, mentre la Federal Reserve attende segnali più chiari di un rallentamento dell’inflazione prima di considerare riduzioni dei tassi.

Leggi tutti