Espansione Pmi Eurozona in frenata, ma battute le attese

22 Luglio 2016, di Daniele Chicca

L’attività delle aziende dell’area euro si è contratta ma meno del previsto in luglio, schivando le implicazioni negative soprattutto a livello di fiducia che poteva avere lo choc della Brexit. Secondo gli ultimi sondaggi sui direttori d’acquisto nel settore dei servizi e del manifatturiero, l’attività nel blocco a 19 resta in fase di espansione anche se il ritmo della crescita è inferiore a quello del mese precedente.

A luglio l’indice Pmi composito ha registrato un incremento a 52,9 punti, sopra le previsioni che erano in media per una lettura di 52,5 punti, almeno stando agli analisti interpellati da Reuters.