Equita, ricavi e utili in crescita nei primi nove mesi

15 Novembre 2019, di Alberto Battaglia

Il consiglio d’amministrazione di Equita Sim ha approvato i risultati relativi ai primi nove mesi dell’anno, attestado il miglioramento dei ricavi netti e dell’utile netto consolidati. Rispettivamente le due misure sono cresciute del 6% e del 4% a 38 e 5,6 milioni di euro. Il Cda ha confermata l’intenzione di proporre nel 2020 la distribuzione di un dividendo tra 0,18-0,20 euro per azione (rispetto ai 22 centesimi per azione distribuiti a maggio 2019. Quanto alla solidità patrimoniale, il Total Capital Ratio si è attestato al 23%, in territorio ampiamente superiore ai minimi richiesti.

Approvati anche gli obiettivi di Equita per il medio-lungo termine:

  • Generazione e diversificazione dei ricavi: target di ricavi netti a Euro 75 milioni
  • Disciplina sui Costi e focus sulla profittabilità: target di marginalità netta al 20%
  • Crescita delle masse in gestione: target di asset in gestione a euro 2 miliardi
  • Patrimonializzazione e remunerazione per gli azionisti: Total Capital ratio superiore al 15% e dividend payout ratio al 90%, in linea con la media degli esercizi precedenti
  • Forte commitment sulla sostenibilità per integrare gli aspetti economici del business con quelli ambientali, sociali e di governance. Approvato un piano di Corporate Social Responsibility e nominato un Comitato Csr.

 

“I risultati del terzo trimestre del 2019 evidenziano una crescita dei Ricavi Netti (+6%) e dell’Utile Netto (+4%). Se si escludono gli impatti non ricorrenti, sia il Global Markets che l’Alternative Asset Management hanno contribuito positivamente alla crescita dei ricavi”, ha commentato l’ad di Equita Andrea Vismara, “anche l’Investment Banking mostra segnali positivi: dopo un primo semestre caratterizzato da poche operazioni sul mercato italiano, la traiettoria dei risultati suggerisce un miglioramento trimestre dopo trimestre”.