Equita, nel 2019 raccolti in Italia 53 miliardi di euro in emissioni obbligazionarie

20 Febbraio 2020, di Alberto Battaglia

Le società italiane hanno raccolto in emissioni obbligazionarie, nel corso del 2019, circa 53 miliardi di euro e 9 miliardi di dollari tramite più di 100 emissioni. E’ quanto emerge dalla la terza Bond Conference presentata oggi a Milano da Equita Sim. La raccorta è stata guidata dal settore finanziario (2/3 dei volumi totali). Questi numeri rappresentano un aumento significativo rispetto al 2018, durante il quale le società emittenti avevano emesso titoli obbligazionari per 33 miliardi di euro e 9 miliardi di dollari con circa 60 operazioni.

“Riteniamo che l’attuale contesto di mercato, caratterizzato da tassi d’interesse molto bassi e incertezza geo-politica necessiti di un approccio altamente selettivo”, ha commentato Luigi De Bellis, Co-Head del team di ricerca di Equita, “riteniamo infatti che, nonostante le performance del settore, esistono delle nicchie di opportunità nel mercato obbligazionario italiano.”

Le migliori condizioni, scrive Equita, hanno infatti facilitato l’accesso al mercato rispetto al 2018. Il calo di circa 133 punti base del rendimento del decennale italiano – che segue la maggiore apertura al dialogo da parte della nuova coalizione di governo con l’Europa – ha permesso di ridurre a 160 punti base lo spread con il bund tedesco a fine 2019.