Eni sospesa stamani a Piazza Affari dopo confisca giacimento in Nigeria

30 Gennaio 2017, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Non inizia bene la settimana di borsa per Eni che stamani è stata subito sospesa e poi è rientrata in contrattazione con un passivo ridimensionato.

A pesare le notizie provenienti dalla Nigeria dove l’Alta Corte federale di Abuja ha previsto la confisca in via cautelare del giacimento Opl245, i cui diritti di sfruttamento, aggiudicati nel 2011 da Eni e Shell, sono sotto indagine. Il titolo Eni perde l’1,69% a 14,52 euro.