20:01 venerdì 23 Aprile 2021

Draghi: “L’Italia non è necessariamente condannata al declino”

La crisi Covid “si è abbattuta su un Paese già fragile dal punto di vista economico, sociale ed ambientale”,  e ci sono criticità che “rischiano di condannare l’Italia a un futuro di bassa crescita da cui sarà sempre più difficile uscire. La storia economica recente dimostra, tuttavia, che l’Italia non è necessariamente destinata al declino”: è quanto scrive il premier Mario Draghi nella premessa della bozza del Recovery Plan, che sarà discussa domattina in Consiglio dei ministri.

“Nel secondo dopoguerra, durante il miracolo economico, il nostro Paese ha registrato tassi di crescita del Pil e della produttività tra i più alti d’Europa”.

In particolare, “le riforme strutturali sono essenziali per migliorare la qualità della spesa da parte delle amministrazioni pubbliche e incoraggiare i capitali privati verso investimenti e innovazione”.

Breaking news

17:38
Piazza Affari chiude piatta, utilities in rosso

Finale poco mosso per Piazza Affari e le altre borse europee dopo i dati sui salari e gli indici Pmi. Rendimenti in rialzo e utilities giù

16:31
Euro Zona, la fiducia dei consumatori è in lieve miglioramento

L’ultimo sondaggio mensile della Direzione Generale degli Affari Economici e Finanziari della Comunità europea (DG ECFIN) mostra un leggero miglioramento della fiducia dei consumatori europei a maggio 2024. La fiducia è salita a -14,3 punti nell’Eurozona rispetto ai -14,7 di aprile, mentre nell’intera Unione Europea l’indicatore è pari a -13,2 punti.

16:25
Nvidia traina il rialzo del Nasdaq a Wall Street: +7,8% in apertura

A Wall Street, il Nasdaq apre in forte crescita grazie alla spinta di Nvidia, che supera i 1.000 dollari per azione. Intanto, il mercato del lavoro statunitense si dimostra ancora solido, nonostante i segnali di rallentamento dell’attività economica ad aprile.

15:04
OCSE, cresce il PIL nel primo trimestre 2024: UK e Canada in testa

Il PIL dell’area OCSE ha registrato una crescita dello 0,4% nel primo trimestre dell’anno, trainato dalle performance di Regno Unito e Canada. Anche Germania, Francia e Italia mostrano segnali di ripresa, mentre gli USA rallentano.

Leggi tutti