Digitalizzazione industria: piano da 50 miliardi all’anno della Commissione Ue

21 Aprile 2016, di Alberto Battaglia

La Commissione europea punta a investire circa 50 miliardi di euro entro il 2021 per la digitalizzazione dell’industria europea, in quella che è stata definita la quarta rivoluzione industriale. Quest’ultima comprende l’implementazione di nuove tecnologie come la robotica e l’intelligenza artificiale, ambiti nei quali il comparto industriale europeo è indietro rispetto a quello di economie avanzate come Stati Uniti o Giappone. Secondo una stima del Parlamento europeo sono 40 i miliardi di euro in investimenti sarebbero necessari ogni anno per digitalizzare la sola industria tedesca, mentre potrebbero servirne 140 per completare la rivoluzione in tutta Europa.

Sono già più di 30, secondo la Commissione Ue, i piani nazionali e regionali d’incentivi per la digitalizzazione delle industrie, fra i Paesi coinvolti figurano anche l’Italia, insieme a Olanda, Francia, Germania, Slovacchia, Spagna e Germania. L’organo esecutivo dell’Unione Europea intende organizzare due tavole rotonde ogni anno per coordinare al meglio i piani di ciascun Paese.