Deutsche Bank invischiata nel processo Mps

16 Agosto 2016, di Alberto Battaglia

Alcuni amministratori, ex ed attuali, di Deutsche Bank potrebbero finire coinvolti nel processo ai vertici di Mps per l’operazione “Santorini”, definita in un’ispezione della Consob tedesca Bafin, “un miglioramento cosmetico del proprio bilancio”; e ancora: “risultavano minusvalenze per 362 milioni di euro e Mps avrebbe dovuto riconoscere tale perdita nel proprio bilancio consolidato. Perdita che è stata, invece, compensata dalla ristrutturazione della gamba Santorini” del 2008.
Sarebbero stati alcuni manager dell’istituto tedesco a proporre l’operazione. “Dopo aver ricevuto dalla Guardia di finanza”, scrive il Bafin, “due richieste di informazioni, nel 2013″ i vertici di Deutsche “non avrebbero dato incarico alla funzione audit di indagare sui fatti”. Sui termini e le condizioni di quella vendita di titoli, si legge, “Deutsche ha fornito una risposta segnatamente omissiva”.