Deutsche Bank bocciata da S&P malgrado i tagli

20 Luglio 2016, di Daniele Chicca

I guai non sono finiti per Deutsche Bank. L’operazione di riduzione dei costi, quella di chiusura delle filiali e i tagli al personale non sono stati sufficienti a riportare il sereno nella prima banca d’Europa. Anzi, le difficili condizioni in cui opera il gruppo tedesco potrebbero complicare la sua strategia che mira ad una ristrutturazione radicale del suo modello di business.

È la motivazione principale citata da Standard & Poor’s nell’ultimo report in cui viene abbassato l’outlook sulla qualità creditizia della banca da stabile a negativo. Confermato invece il rating a lungo periodo BBB+. L’outlook negativo “riflette la possibilità che il rating venga tagliato se le condizioni di mercato dovessero influire negativamente sulla capacità di Deutsche Bank di mantenere la propria capitalizzazione mentre attua il piano di ristrutturazione”.