Debito: Argentina sigla accordo storico con gli hedge fund

1 Marzo 2016, di Alessandra Caparello

Vittoria politica importante per il neo presidente dell’Argentina, Mauricio Macri che sigla un accordo con gli hedge fund, guidati da Paul Singer, da 4,65 miliardi di dollari, mettendo così fine al secondo default in 100 anni dell’Argentina. “Avvoltoi e terroristi finanziari” così aveva definito i fondi hedge il predecessore di Macri, Cristina Kirchner dopo il loro rifiuto a partecipare alle due ristrutturazioni dopo il default argentino del 2001.

Ora la pace sembra essere fatta grazie ai mediatori Alfonso Prat-Gay, il neo ministro dell’economia e Paul Singer, il manager dell’hedge fund Elliott Management. La cifra concordata rappresenta il 75% delle richieste degli hedge fund che si sono impegnati a non interferire nel processo di accesso al mercato dei capitali dell’Argentina. L’accordo però attende il via libera del congresso argentino.