Danske Bank è indagata dal Dipartimento di giustizia Usa, titolo in caduta

4 Ottobre 2018, di Alberto Battaglia

Danske Bank è indagata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per uno scandalo di riciclaggio di denaro da 200 miliardi di euro (230 miliardi di dollari) che coinvolge la sua filiale estone, un notizia che conferma i timori degli investitori emersi nelle ultime settimane.
La notizia ha colpito il titolo quotato a Copenaghen, in calo al momento del 3,04% a 161,20 corone – toccando un minimo di giornata che al momento ha riportato le azioni della maggiore banca danese ai livelli di gennaio 2015 (-33% da inizio anno).
Il timore degli investitori è che nel favorire le transazioni di soggetti residenti in Russia, il ramo estone di Danske Bank possa incorrere in sanzioni da parte delle autorità Usa, che in passato ha inflitto multe miliardarie per violazioni apparentemente assai più contenute di quelle sotto la lente al momento.