12:58 lunedì 14 Febbraio 2022

Crisi Russia-Ucraina: si avvicina momento cruciale, possibili risvolti su prezzi asset

“Il momento cruciale per la crisi tra Russia ed Ucraina si sta probabilmente avvicinando. I prossimi dieci giorni saranno probabilmente cruciali, poiché le Olimpiadi invernali si concluderanno il 20 febbraio e le esercitazioni militari russe in Bielorussia termineranno la stessa settimana. Qualsiasi decisione militare importante sarà probabilmente presa in questo periodo di tempo, soprattutto perché la situazione in Ucraina orientale peggiorerà significativamente a partire da metà marzo”. Lo sottolineano Alberto Gallo e Gabriele Foà, portfolio managers Algebris Global Credit Opportunities Fund. “In termini di prezzi degli asset, la principale conseguenza di un’invasione sarebbe un forte aumento dei prezzi del petrolio e dell’energia, in quanto le conseguenti sanzioni alla Russia renderebbero più difficile l’accesso globale all’energia – aggiungono gli esperti -. L’impatto di una crisi potrebbe, in ultima analisi, dimostrarsi inflazionistico, con una maggiore pressione a medio termine sui tassi (dopo una potenziale stretta iniziale dei tassi su un ampio movimento di risk off)”. Secondo l’analisi di Algebris, i mercati azionari e gli asset a maggior rischio inizialmente si svaluterebbero, ma potrebbe essere un movimento di breve durata, dato che le importazioni statunitensi dalla Russia sono ormai vicine allo zero e le esportazioni russe verso la Cina non saranno colpite.

“Le prospettive per la crescita globale potrebbero quindi non cambiare molto, anche in presenza di tensioni prolungate. Il debito e le azioni dei mercati emergenti sarebbero sottoperformanti, data la presenza di Russia ed Ucraina negli indici e gli effetti di contagio su altri mercati”, concludono Alberto Gallo e Gabriele Foà.

Breaking news

09:12
Piazza Affari inizia in rosso con Leonardo e Prysmian in vetta

Ribassi frazionari per le borse europee in avvio, all’indomani del meeting della Bce. A Piazza Affari, il Ftse Mib arretra dello 0,5% in area 34.300 punti, con Leonardo (+1,3%), Prysmian (+1,2%) e Moncler (+0,5%) in evidenza mentre calano Stellantis (-1,3%), Hera (-1,2%) e Nexi (-1,1%). Ieri la Bce ha lasciato i tassi fermi, come da […]

07:33
Wall Street: trend settimanale S&P 500, Nasdaq, DJ e Russell 2000 conferma rotazione da hi-tech a blue chip e small cap

La borsa Usa riparte da una sessione negativa che ha visto i sell prendere di mira stavolta anche il Dow Jones.

07:07
Netflix: utili II trimestre in rialzo a $2,15 miliardi, meglio delle attese. Ricavi +17%

L’utile per azione è stato superiore ai $4,74 per azione attesi dagli analisti intervistati da LSEG.

18/07 · 17:40
Piazza Affari in rialzo dopo la Bce, balzo di Iveco

Piazza Affari chiude in rialzo nel giorno della Bce. Euro/dollaro in calo e spread Btp-Bund stabile. In serata focus sui conti di Netflix

Leggi tutti