Crisi Evergrande scuote mercato cinese dei bond, si teme effetto domino

20 Settembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

L’intensificarsi della crisi del gruppo cinese Evergrande, il costruttore più indebitato del mondo, sta causando scosse in tutto il mercato cinese dei bond e alimentando i timori che ci possano essere conseguenze dannose per il resto del sistema finanziario del paese. A colpire la seconda società del settore immobiliare della Cina una grande crisi di liquidità con un pericoloso effetto domino. Gli investitori internazionali non stanno più solo evitando le obbligazioni di Evergrande, ma anche il debito emesso da altri sviluppatori è crollato e le banche con esposizione al settore immobiliare cinese sono sotto esame. Una debacle che sta attirando l’attenzione pubblica mondiale.

Crisi Evergrande: le conseguenze

La domanda che si fanno gli investitori e le autorità cinesi è se il problema resterà isolato e se il contagio può essere evitato. La scorsa settimana l’indice ICE BofA Asian Dollar High Yield Corporate China Issuers è scivolato ad un minimo di 16 mesi indicando l’avversione globale degli investitori al debito cinese. Secondo Alicia Garcia Herrero, capo economista per l’Asia-Pacifico di Natixis, “Il contagio da Evergrande ad altri sviluppatori diventerà più visibile tra i debitori privati e ad alto rendimento”. Il settore immobiliare è stato per anni la spina dorsale della crescita della seconda economia mondiale. L’investimento immobiliare ha raggiunto una media del 13,5% del prodotto interno lordo negli ultimi cinque anni, secondo le stime di Fitch, tre volte il livello dell’economia statunitense. Il presidente cinese Xi Jinping sta cercando di attenuare l’ossessione della nazione per la proprietà sostenendo che “l’alloggio è per vivere, non per la speculazione”. I regolatori cinesi hanno già avvertito dei rischi più ampi per il sistema finanziario del paese se i 305 miliardi di dollari di passività di Evergrande non sono contenuti, e hanno chiesto di tagliare urgentemente il debito.

La società ha inadempienze nei confronti di oltre 128 banche e circa 121 istituzioni non bancarie, secondo il contenuto di una lettera trapelata scritta da Evergrande al governo alla fine dello scorso anno. E tutto sta venendo a galla. Le azioni di Evergrande sono crollate di un ulteriore 17% nella sessione mattutina a Hong Kong, portando le perdite annuali all’86%. I problemi della società hanno scatenato un sell-off nei titoli immobiliari quotati, con l’indice Hang Seng Property che è crollato del 6,6% al suo livello più basso dal 2016 e il più ampio indice Hang Seng in calo del 3,9%. Anche le obbligazioni emesse da un altro sviluppatore immobiliare fortemente indebitato, Guangzhou R&F, sono quotate al 58% del loro valore nominale, rispetto al 72% di inizio mese. Moody’s ha declassato il rating del gruppo questo mese e ha avvertito che potrebbe avere difficoltà a rifinanziare il suo debito. Le obbligazioni del gruppo Fantasia con sede a Shenzhen, un altro sviluppatore che affronta ulteriori preoccupazioni di rifinanziamento, sono state scambiate a 56 centesimi di dollaro.

E ciliegina sulla torta, arriva un ulteriore downgrade da parte dell’agenzia di rating S&Poor’s.

La volatilità dei mercati obbligazionari nazionali e statunitensi esacerberà le difficoltà di rifinanziamento di alcuni sviluppatori, ha detto la società di rating in una nota. E gli obbligazionisti del gruppo cinese Evergrande stanno per scoprire se la crisi di liquidità del gigante immobiliare è così terribile come sembra. Il mancato ricevimento delle cedole, come previsto, dovrebbe far entrare la società in una fase in cui le autorità intervengono e cedono alcuni degli asset. I pagamenti che incombono su Evergrande includono 83,5 milioni di dollari di interessi su un’obbligazione quinquennale in dollari dell’8,25%, secondo i dati Bloomberg. C’è un periodo di 30 giorni prima che un mancato pagamento sia considerato un’inadempienza e Evergrande deve pagare 232 milioni di yuan ($36 milioni di dollari) su un’obbligazione onshore lo stesso giorno.

In totale, Evergrande ha 669 milioni di dollari di pagamenti di cedole in scadenza fino alla fine di quest’anno. Fitch Ratings ha segnalato la maggiore possibilità di un fallimento dei pagamenti questo mese, citando il rischio di “probabile” default. E un default del settore immobiliare potrebbe avere ampie conseguenze. Potrebbe danneggiare la fiducia dei consumatori se la gente dovesse perdere i depositi per le case che non sono ancora state completate, o se paralizzasse i fornitori e gli appaltatori che sono grandi datori di lavoro. Questo, a sua volta, potrebbe esacerbare le inadempienze in tutto il settore bancario. L’economia cinese ha faticato ad agosto, danneggiata dalle misure pandemiche e dalle restrizioni sui prestiti immobiliari.

La crescita delle vendite al dettaglio il mese scorso è rallentata al 2,5% rispetto a un anno fa, e le vendite di case in valore sono crollate del 20%, il più grande calo dall’inizio dell’anno scorso, quando l’inizio della pandemia ha richiesto un blocco. Gli investimenti in costruzioni, nel frattempo, si sono contratti del 3,2% nei primi otto mesi dell’anno. “Se i problemi di Evergrande si trascinano per un lungo periodo, eroderà la fiducia degli acquirenti di case e degli investitori “, ha detto Michelle Lam, economista della Cina maggiore di Societe Generale. “Mentre il nostro scenario centrale non prevede alcun rischio per il sistema finanziario, il caso di Evergrande potrebbe danneggiare l’economia e il settore immobiliare in generale”.