COP26, alleanza per il clima: la promessa miliardaria di Bezos, Ikea e Rockefeller

2 Novembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Un’alleanza preziosa per il processo di transizione energetica globale. È quella che hanno annunciato lunedì alla COP26 di Glasgow Bezos, Ikea e Rockefeller. Un’intesa che promette finanziamenti importanti per contribuire all’ambiziosa sfida planetaria lanciata al cambiamento climatico.

L’obiettivo quota 100 miliardi

Le fondazioni Rockefeller e Ikea lunedì hanno annunciato l’intenzione di creare un’alleanza energetica globale per le persone e il pianeta che consentirà ai governi ricchi, così come alle persone ricche, di effettuare donazioni incrementali ed efficienti verso la transizione energetica nelle nazioni più povere. L’organizzazione, che comprende anche otto istituzioni multilaterali e di finanziamento dello sviluppo, inizierà con 10 miliardi di dollari per testare strategie e tecnologie innovative per supportare le energie rinnovabili in tutto il mondo, soprattutto nelle aree in cui il capitale privato è ancora esitante. Una volta provati i prototipi, la speranza è che sblocchino 100 miliardi di dollari in investimenti pubblici e privati per espanderli.

L’annuncio fatto alla COP26

Il Bezos Earth Fund ha dichiarato che donerà 500 milioni di dollari a questa iniziativa congiunta. Allo stesso tempo, ha impegnato $ 1 miliardo per il ripristino del paesaggio come la piantumazione di alberi e la rivitalizzazione delle praterie, e una somma uguale per trasformare i sistemi alimentari rendendo l’agricoltura più produttiva e riducendo i suoi gas serra. I programmi annunciati il primo giorno intero della conferenza di Glasgow, in Scozia, nota come Cop26, hanno lo scopo di aumentare gli impegni del 2009 delle nazioni ricche per finanziare le transizioni energetiche delle nazioni povere con $ 100 miliardi all’anno. “Anche se i paesi ricchi arrivano a $ 100 miliardi, non è affatto vicino ai trilioni che sono necessari“, ha affermato Joseph Curtin, direttore del team per l’energia e il clima di Rockefeller. “Volevamo creare le condizioni affinché il settore privato potesse investire su vasta scala”.

I finanziamenti per il clima

Il piano Bezos, Ikea e Rockefeller non è l’unico nuovo finanziamento disponibile. Lunedì1 novembre, il premier britannico Boris Johnson ha annunciato un’iniziativa per aiutare i Paesi in via di sviluppo ad accedere alle tecnologie verdi per far crescere le loro economie senza inquinare. Il piano prevede il raddoppio degli investimenti verdi finanziati dagli aiuti del Regno Unito a oltre 4,1 miliardi di dollari in cinque anni. Può essere politicamente difficile per i governi fare grandi donazioni ad altre nazioni, ha affermato Sundaa Bridgett-Jones, che sta passando dal suo ruolo di amministratore delegato di Rockefeller a capo delle nuove partnership e advocacy per la Global Energy Alliance. Inoltre, il meccanismo per effettuare tali donazioni non è particolarmente agile. Le nazioni potrebbero farlo attraverso le proprie agenzie di sviluppo o attraverso fondi mirati presso le istituzioni multilaterali, come la Banca Mondiale. “Ciò che manca è un modo per aggregare le donazioni in modo agile e flessibile”, ha affermato.

L’esperienza che ha portato al deal

La Rockefeller Foundation, un’organizzazione filantropica con sede a New York con oltre un secolo di esperienza internazionale, ha già impiegato un decennio per finanziare 200 microreti solari per servire villaggi remoti in India. Una volta risolti i problemi, la Tata Power indiana ha accettato di espandere il progetto a 10.000 reti. Quel successo ha attirato l’attenzione della Fondazione Ikea, creata dal fondatore del colosso svedese dell’arredamento, che aveva sostenuto separatamente il lavoro sulle microreti nell’Africa subsahariana. Insieme, decisero di collaborare a uno sforzo che unisse i loro fondi e la loro esperienza e permettesse ad altri di fare donazioni. Negli ultimi mesi, hanno coinvolto organizzazioni per lo sviluppo tra cui l’African Development Bank Group, la Asian Development Bank, la European Investment Bank, la Inter-American Development Bank, la US International Development Finance Corporation e la World Bank, tra le altre.