17:36 giovedì 2 Novembre 2017

Peggio i conti pubblici: su fabbisogno in aumento hanno pesato aiuti banche

Il fabbisogno statale è aumentato su base mensile di 1 miliardo e 200 milioni di euro in ottobre, quando si è attestato a quota 5 miliardi. Lo stesso mese l’anno scorso il fabbisogno era di 3 miliardi e 807 milioni).

Il fabbisogno dei dieci mesi, stando a quanto comunicato dal ministero del Tesoro, è stato pari a 61,141 miliardi di euro, con un aumento di circa 11,5 miliardi rispetto al periodo gennaio-ottobre del 2016. L’aumento è attribuibile in larga misura alle erogazioni effettuate a luglio e agosto per la salvaguardia del sistema bancario e la tutela dei risparmiatori. Nel complesso il risultato nell’arco dei dieci mesi è in linea con le anticipazioni del governo.

Nei primi nove mesi l’aumento era stato di 10,2 miliardi e anche in quel caso la differenza era stata attribuita dalle autorità “in larga misura alle erogazioni effettuate nei mesi di giugno e agosto per la tutela del risparmio nel settore creditizio”.

Breaking news

15:56
Amazon punta sull’AI nonostante i tagli al personale

Amazon, guidata da Andy Jassy, ha annunciato una strategia di contenimento dei costi che prevede licenziamenti, ma allo stesso tempo si impegna a investire in modo significativo nell’intelligenza artificiale, considerata un pilastro fondamentale per il futuro dell’azienda.

15:39
BCE, Lagarde mette in guardia sui rischi al ribasso per la crescita economica

Christine Lagarde, presidente della Bce, ha messo in guardia sui rischi che potrebbero frenare la crescita economica, tra cui la politica monetaria più intensa del previsto, un rallentamento dell’economia mondiale e il commercio internazionale, oltre ai rischi geopolitici derivanti da conflitti globali.

13:59
Tim, Bluebell presenta la propria lista per il rinnovo del board

Il fondo attivista Bluebell ha annunciato la nomina di Laurence Lafont, ex dirigente di Google, come CEO designata per Tim, delineando un nuovo piano strategico per l’azienda.

12:51
Walcor, chiusa la fase di concordato preventivo

Walcor, nota azienda dolciaria di Cremona, esce vittoriosa dal concordato preventivo avviato nel 2020 a seguito di debiti per 70 milioni di euro. Con il supporto di nuovi soci e un aumento di capitale, ha completato i pagamenti ai creditori, chiudendo il processo con successo.

Leggi tutti