Commissione Ue taglia stime sul Pil italiano e rivede al rialzo deficit

9 Novembre 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – La Commissione europea ha tagliato le previsioni sulla crescita economica e i conti pubblici dell’Italia. Per quest’anno si prevede un aumento del Pil limitato allo 0,7 per cento, mentre sul 2017 è atteso uno 0,9 per cento. Si tratta di stime nettamente inferiori a quelle messe in conto sei mesi fa, quando Bruxelles indicava 1,1 per cento nel 2016 e 1,3 per cento nel 2017. Sul 2018 viene pronosticato un più 1 per cento del Pil.

La crescita più debole finira’ per incidere sui conti pubblici. Il deficit viene ora previsto al 2,4 per cento del Pil quest’anno e il prossimo anno, mentre segnerà un lieve aumento al 2,5 per cento del Pil nel 2018. Sei mesi fa veniva stimato un deficit-Pil al 2,4 per cento nel 2016 ma poi all’1,9 per cento nel 2017. Anche più netto il peggioramento sul debito, al 133 per cento del Pil quest’anno e poi al 133,1 per cento in 2017 e 2018. Sei mesi fa era atteso 132,7 per cento quest’anno e al 131,8 per cento il prossimo.