Cina: “debito societario troppo alto, yuan resterà stabile”

10 Marzo 2017, di Mariangela Tessa

E’ allarme in Cina per debito societario in Cin schizzato al 168% del Pil. A lanciarlo è stato il governatore della Banca centrale cinese (Pboc) Zhou Xiaochuan, secondo cui la Cina negli sforzi per rassicurare i mercati, lo yuan si manterrà stabile e il calo delle riserve in valuta estera non costituisce motivo di preoccupazione.

Il governatore, nella lunga conferenza stampa a margine dei lavori del Congresso nazionale del popolo e trasmessa in diretta tv, ha spiegato di ritenere che nel 2017 lo yuan si stabilizzerà “automaticamente” con lo stato di salute dell’economia e la fiducia globale nelle prospettive della crescita cinese.

“Non ci sono grandi cambiamenti nelle politiche della Banca centrale durante l’anno e avremo più lavori dettagliati sulle politiche di implementazione e supervisione”, ha aggiunto. A causa di imprevedibilità dei mercati valutari e incertezze sia domestiche sia internazionali, le fluttuazioni saranno normali.