CETA: Belgio si oppone all’accordo di libero scambio tra Ue e Canada

21 Ottobre 2016, di Daniele Chicca

Il parlamento della Vallonia, la regione francofona del Belgio, ha bloccato il trattato di libero scambio tra l’Unione Europea e il Canada, intralciando i lavori del summit di Bruxelles sul tema. Poco prima della mezzanotte, il capo del governo della regione, Paul Magnette, ha fatto sapere che il CETA è stato sì migliorato con le diverse dichiarazioni interpretative che la Commissione europea – di comune accordo con il Canada – ha aggiunto all’accordo, ma che questo comunque non è abbastanza, perché “è insufficiente a rispondere alle preoccupazioni espresse dalla Vallonia”.

Intanto a Bruxelles il premier britannico Theresa May ha dichiarato che vorrebbe che si firmasse il miglior accordo di libero scambio di beni e servizi possibile con il mercato europeo. In quest’ottica è importante per la leader del Regno Unito che l’Ue firmi il trattato di partnership del CETA con il Canada. Londra non vuole infatti replicare un altro modello che un altro paese ha in rapporto a come avvengono gli scambi con l’Ue.