Brexit, Ue perde pazienza: non c’è tempo, non possiamo negoziare soli

13 Giugno 2017, di Livia Liberatore

Non c’è tempo da perdere nei negoziati sulla Brexit. Così avverte Michel Barnier, capo delle trattative per conto dell’Ue. Il Regno Unito rischia di uscire a marzo 2019 dall’Unione europea, senza che sia stato raggiunto alcun accordo sui legami da mantenere con le istituzioni di Bruxelles. In due anni, bisognerà discutere gli aspetti finanziari, lo stato dei migranti europei nel Regno Unito e pensare a un accordo commerciale.

Dopo le elezioni dell’8 giugno che hanno visto i conservatori di Theresa May perdere inaspettatamente la maggioranza assoluta, la formazione del governo insieme agli unionisti irlandesi procede con lentezze e difficoltà. L’incertezza politica ha provocato timori sull’effettiva possibilità di cominciare le trattative con l’Ue nella data prevista del 19 giugno.