Brexit, gestori dimezzano offerte di lavoro a Londra

27 Aprile 2018, di Livia Liberatore

Secondo i dati di LinkedIn, la disponibilità di posti di lavoro nella gestione patrimoniale a Londra è diminuita di quasi la metà dopo il referendum che ha deciso per la Brexit, l’uscita del Paese dall’Unione europea. Allo stesso tempo le assunzioni a Parigi e in Lussemburgo sono aumentate. I timori riguardanti la perdita prevista dei diritti di passaporto e le modifiche alle “regole di delega” hanno pesato sul settore del risparmio gestito del Regno Unito. Un sondaggio della società di consulenza EY ha inoltre dimostrato che più della metà delle società di gestione patrimoniale ha già rafforzato le proprie attività in Europa con l’intenzione di renderle “a prova di Brexit”.