Brasile: presidente Rousseff aumenta salario minimo +11,6%

30 Dicembre 2015, di Laura Naka Antonelli

ROMA (WSI) – Dilma Rousseff, presidente del Brasile, ha reso noto che a partire dal 1° gennaio del 2016, 40 milioni di brasiliani tra lavoratori e pensionati vedranno il proprio salario minimo aumentare dell’11,6%, lievemente al di sopra dell’inflazione dell’11% registrata nel 2015.

L’annuncio arriva in un momento di grave difficoltà per il Brasile e il suo presidente, che fa fronte a un procedimento di impeachment, per ora bloccato in via temporanea dalla Corte Suprema.

Il rialzo del salario minimo dell’11,6% è superiore agli aumenti che in media sono stati concessi negli ultimi tre anni.

Rousseff ha aumentato il salario minimo del 6,78% nel 2014, del 9% nel 2013 e del 14% nel 2012. Il nuovo piano si tradurrà di fatto in un incremento del salario minimo da 788 real brasiliani (l’equivalente di $203) a 880 real (l’equivalente di $227) al mese.