BPM, appello Fabi: Consob e Bankitalia siano presenti in assemblea

12 Ottobre 2016, di Laura Naka Antonelli

Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi (sindacato di maggioranza nel gruppo Bpm), lancia un appello in vista dell’assemblea degli azionisti di BPM, che sabato dovrà esprimersi sulla fusione con Banco Popolare, affinché siano presento anche i rappresentanti della sistema bancario e di sistema bancario per vigilare il corretto svolgimento dei lavori.

Da segnalare che la fusione che darà ufficialmente il via al terzo gruppo bancario italiano dovrà essere approvata con il voto dei dei terzi. La fusione ha bisogno dell’approvazione dei due terzi dell’assise.

Sileoni, in particolare, si rivolge a Nicola Rossi, presidente del consiglio di sorveglianza della Bpm, Nicola Rossi.

“Chiediamo al presidente Rossi massima correttezza e un ruolo super partes, è auspicabile la presenza di Bankitalia e Consob per vigilare il corretto svolgimento dell’assemblea ed eventuali iniziative particolari. Se ci saranno forzature del regolamento non esiteremo a coinvolgere la magistratura”.

Insomma:

“Rossi dovrà comportarsi da super partes, senza inventarsi cose fuori dalle norme”.

Il numero uno della Fabi definisce la situazione dei pensionati “irresponsabile”, in quanto “si creerebbe un periodo di instabilità”. Le due associazioni che riuniscono i pensionati di BPM hanno reso nota la loro intenzione di votare “no” alla fusione.

Così Agostino Megale, segretario della Fisac Cgil:

“Non è più tempo che interessi egoistici e di parte possano pensare di condizionare gli interessi della banca. La posizione attuale di Rossi coerente non è, né per la sua storia né per il percorso con cui è arrivato qua”, riferendosi al fatto che Rossi è stato eletto presidente del consiglio di sorveglianza di BPM dalla lista che è stata presentata insieme da sindacati-pensionati assieme.