Borse: Shanghai in rosso, zavorrata da hi-tech

23 Dicembre 2019, di Mariangela Tessa

La borsa cinese di Shanghai ha registrato il peggior calo giornaliero delle ultime sei settimane, zavorrata dai titoli tecnologici dopo che un fondo statale ha annunciato l’intenzione di ridurre le proprie partecipazioni in alcune di queste società.

L’indice blue-chip CSI300 è sceso dell’1,3% a 3.967,10, mentre l’indice composito di Shanghai è calato dell’1,4% a 2.962,75, registrando entrambi il ribasso peggiore dall’11 novembre.

Il National Integrated Circuitry Investment Fund, noto anche come “Big Fund”, intende ridurre la sua quota in Gigadevice Semiconductor, nel produttore di chip Shenzhen Goodix Technology e in Hunan Goke Microelectronics di circa un punto percentuale ciascuno, secondo le dichiarazioni delle società.

Secondo il broker China Merchants Securities, il piano del fondo statale potrebbe danneggiare il sentiment del mercato a breve termine, sebbene il supporto a lungo termine della Cina per il settore tecnologico rimarrà intatto.

L’indice di Hong Kong ha chiuso in rialzo dello 0,1%.