Borse europee nervose dopo attacco Usa in Iraq. Vola il petrolio

3 Gennaio 2020, di Mariangela Tessa

Parte male la seconda seduta del 2020: Milano -0,4%, Parigi -0,55%, Francoforte -0,79%, Madrid -0,57% e Londra -0,3%). Pesano le nuove tensioni geopolitiche innescate dall’attacco statunitense, avvenuto nella notte e confermato dal Pentagono, all’aeroporto di Baghdad e che ha provocato la morte del generale iraniano Qassem Soleimani.

Immediata la reazione del petrolio, schizzato verso l’alto e ai massimi in quattro mesi: il Wti a febbraio sale del 3% a 63,06 dollari al barile, il Brent a marzo balza del 3,26% a 68,41 dollari.

A Piazza Affari osservati speciali i titoli del comparto petrolifero, che partono in rialzo(Eni +0,66%, Saipem +1,7%). Tenaris (+0,8%).

Il dollaro/yen è a 107,948. Spread in modesto ribasso a 162 punti, dai 164 di ieri.