Borse cinesi crollano: -8% a Shanghai dopo stop Capodanno cinese e Coronavirus

3 Febbraio 2020, di Mariangela Tessa

Pioggia di vendite sulle Borse cinesi, che crollano di oltre il 8% alla riapertura delle contrattazioni dopo lo stop per i festeggiamenti del Capodanno cinese , prolungato a causa del coronavirus di Wuhan: pur recuperando qualcosa rispetto all’apertura, il Composite di Shanghai cede l’8,13%, a 2.734,66 punti, mentre quello di Shenzhen perde l’8,30%, a quota 1.611,04.

In apertura Shanghai cedeva l’8,7%, Shenzhen il 9%. Lo yuan si indebolisce sul dollaro e sfonda quota 7, a 7,0049 (+0,99%) sui mercati onshore, mentre su quelli offshore di attesta a 7,0054 (+0,07%). La Banca centrale cinese (Pboc) ha fissato questa mattina la parità bilaterale a 6,9249, con un indebolimento del renminbi di 373 punti base.
.