Borse cinesi: alta volatilità dopo tensioni Usa-Iran

3 Gennaio 2020, di Mariangela Tessa

Seduta debole per le Borse cinesi che, dopo un avvio positivo, hanno invertito rotta dopo la notizia dell’uccisione del generale iraniano Soleimani da parte degli Usa.

A fine seduta l’indice Hang Seng della Borsa di Hong Kong ha ceduto lo 0,3%, a 28.451,50 punti, dopo essere arrivato a guadagnare l’1,2% nella mattinata (ai massimi degli ultimi 6 mesi).

Chiusura in rosso anche per la Borsa di Shanghai dove l’Indice Composito ha terminato gli scambi in calo dello 0,1% a 3.083,79 punti. In rialzo marginale la Borsa di Shenzhen doe l’Indice Composito ha chiuso con un guadagno dello 0,3% a 1.760,85 punti.