Barclays, rivolta azionisti contro il Ceo Staley: titolo cede quasi il 4%

28 Aprile 2017, di Daniele Chicca

Barclays ha pubblicato una trimestrale contrastante e il titolo paga care anche le problematiche ai vertici. Il gruppo bancario britannico ha chiuso il trimestre con un utile pre tasse pari a 1,7 miliardi di sterline, in miglioramento dopo i 793 milioni di un anno prima. Il risultato fa anche meglio degli 1,46 miliardi previsti in media dagli analisti interpellati da Reuters.

Tuttavia i profitti netti sono calati nello stesso periodo e la banca ha avvertito che subirà un conto di 884 milioni di sterline per la perdita di valore della sua divisione africana. Ma a pesare è sopratutto la rivolta dei azionisti contro il Ceo Jes Staley. L’agenzia che offre raccomandazioni di voto e consigli di governance ISS, ha indicato ai soci di votare contro la rielezione dell’AD nel Cda previsto il mese di maggio. Il titolo, che nel preborsa guadagnava il 2-3% dopo la pubblicazione dei conti, ha intrapreso la strada dei ribassi con decisione e ora perde quasi il -4%.

Staley ha ammesso di aver “commesso un errore” sul modo con cui è stata trattata la vicenda della talpa. Staley ha ricordato che la banca sta cooperando con le autorità di regolamentazione sul caso e che non presenterà le sue dimissioni al Cda. Staley è indagato dalle autorità finanziarie britanniche per aver tentato di identificare una spia l’anno scorso.