13:11 giovedì 28 Settembre 2017

Banche: Pier Ferdinando Casini è presidente della commissione di inchiesta

ROMA (WSI) – Pier Ferdinando Casini è presidente della commissione di inchiesta sulle banche.  L’ex presidente della Camera, oggi alla guida della commissione Esteri del Senato è stato eletto con 21 voti su 40.

“Se qualcuno ritiene che questa commissione diventi il palcoscenico di una lunga campagna elettorale non pensi di trovare complicità nel presidente (…)  i tempi sono stretti, ma questo significa che si lavorerà anche di lunedì e venerdì, perché o la commissione lavora con serietà o diventa un nuovo elemento di discredito della politica”.

Queste le parole di Casini appena eletto.

Breaking news

16:12
Apertura in calo a Wall Street: S&P 500 a -0,3%, Nasdaq cede lo -0,27%

Apertura negativa per Wall Street nonostante i record di chiusura di ieri per S&P 500 e Nasdaq Composite. Gli investitori puntano su un taglio dei tassi d’interesse a settembre dopo i recenti dati sull’inflazione. Le dichiarazioni di Loretta Mester, presidente della Fed di Cleveland, sottolineano l’importanza di non attendere troppo per ridurre i tassi.

13:38
Abionyx Pharma in forte crescita a Parigi dopo il feedback positivo della FDA

Abionyx Pharma ha registrato un significativo aumento del valore delle sue azioni alla Borsa di Parigi, grazie al feedback positivo ricevuto dalla FDA riguardo la richiesta di autorizzazione per un nuovo farmaco sperimentale contro la sepsi, denominato Cer-001.

11:59
Chiusura mista per le Borse cinesi: Shanghai a 0,12%, Hong Kong cede lo -0,94%

Le principali borse cinesi hanno chiuso la giornata in modo contrastante, con Shanghai e Shenzhen in rialzo grazie ai dati positivi sull’economia, mentre Hong Kong ha registrato una flessione. L’andamento riflette le differenti dinamiche economiche e di mercato nelle diverse regioni della Cina.

11:19
Il debito pubblico italiano cresce di 11,5 miliardi: il report di Bankitalia

Ad aprile il debito delle Amministrazioni pubbliche italiane è cresciuto di 11,5 miliardi, raggiungendo i 2.905,7 miliardi di euro. Bankitalia spiega che l’aumento è dovuto principalmente al fabbisogno delle Amministrazioni centrali, mentre le Amministrazioni locali e gli Enti di previdenza sono rimasti stabili.

Leggi tutti