Banche pesanti a piazza Affari: nel mirino Carige e Credito Valtellinese

31 Ottobre 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Ondata di vendite sui titoli Carige (-5,3%) e Credito Valtellinese (-2,57%) con il primo che soffre a due giorni dal consiglio di amministrazione straordinario dedicato alle nuove richieste Bce sui crediti in sofferenza mentre sulle azioni della valtellinese  pesa il via libera dell’assemblea degli azionisti alla trasformazione in spa.

Procediamo con ordine. Mercoledi’ si terra’ il cda di Carige chiamato a rispondere alle bozze di decisioni della Banca centrale europea che ha fissato target piu’ stringenti nel medio periodo per ridimensionare i crediti problematici in portafoglio alla banca: in pratica Francoforte chiede di dimezzare i deteriorati in tre anni passando da 7 miliardi attuali a 3,7 miliardi e ha fornito nuovi target di coefficienti patrimoniali che andranno rispettati.

Sul CreVal, superato il passaggio della trasformazione in spa, il focus si sposta sulla possibile integrazione con altri istituti. Nel breve invece il focus e’ per la trimestrale della prossima settimana e soprattutto per il nuovo piano industriale e, anche in questo caso, sul tema delle sofferenze.