Banche centrali, Reserve Bank of Australia lascia tassi fermi: ‘Ucraina-Russia nuovo maggiore fattore di incertezza’

1 Marzo 2022, di Redazione Wall Street Italia

La banca centrale australiana ha ammesso, nell’annunciare la propria decisione sui tassi, che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia è un fattore che necessariamente condizionerà le scelte di politica monetaria che dovrà adottare.

La RBA (Reserve Bank of Australia) ha lasciato oggi i principali tassi di riferimento invariati allo 0,1%.

Nel comunicato si legge che la guerra in Ucraina rappresenta ora la nuova principale fonte di incertezza e che l’inflazione è attesa in rialzo a causa dei prezzi del petrolio e dei costi energetici più alti.

I tassi rimangono fermi in Australia allo 0,1% per il 17esimo mese consecutivo.

Il governatore dell’RBA Philip Lowe ha dichiarato che “l’inflazione in diverse parti del mondo è aumentata in modo significativo, a causa dei forti aumenti dei prezzi dell’energia e per le interruzioni che hanno colpito le catene dell’offerta in un momento di solida domanda”.

Lowe ha aggiunto che “i prezzi di molte commodities sono saliti ulteriormente a causa della guerra in Ucraina” e che “nell’ultimo mese sono saliti anche i tassi sui bond, così come sono aumentate le aspettative sui tassi di interesse futuri”.

Tuttavia, ha rimarcato il numero uno dell’RBA, “sebbene l’inflazione sia aumentata, è troppo presto concludere che abbia centrato il target range (compreso tra il 2% e il 3%) in modo sostenibile”.