Analisti Mirabaud: improbabile recessione Usa

3 Marzo 2016, di Alberto Battaglia

Mirabaud Asset Management, in uno scenario per i mercati globali che si preannuncia ancora volatile ha comunicato che diversi fattori dovrebbero, man mano, moderare i nervosismi dei listini.

“Riteniamo improbabile uno scenario di recessione globale; i dati macro, come ad esempio gli indici Pmi sulla produzione, mostrano che l’economia non è in una fase di recessione” afferma Gero Jung, capo economista di Mirabaud AM, “per quanto riguarda le altre variabili sotto i riflettori dei mercati l’eccesso di offerta di petrolio impedirà un rialzo marcato dei prezzi, ma la stabilizzazione delle quotazioni pare probabile. Negli Stati Uniti, i timori di recessione sembrano esagerati, a fronte di quello che si configura come un rallentamento dell’economia”.

All’orizzonte europeo, inoltre, non dovrebbero mostrarsi crisi bancarie: “Non siamo nel 2008, è importante tenerlo bene a mente ed escludiamo quindi uno scenario in stile Lehman”, aggiunge Jung.
Dal punto di vista operativo Mirabaud punta sull’azionario dell’Eurozona, in virtù di “valutazioni più economiche” rispetto agli Stati Uniti.“I dati continuano a indicare una prosecuzione della ripresa economica nell’Eurozona”, spiega David Basola, Responsabile per il mercato Italia di Mirabaud AM, “in particolare le indagini sui nuovi ordini segnalano come le prospettive di crescita futura restino intatte”.