Allarme terrorismo in Italia, rischio concreto nel 2017

28 Febbraio 2017, di Mariangela Tessa

“E’ sempre più concreto il rischio che alcuni soggetti radicalizzati in casa decidano di non partire verso Siria ed Iraq determinandosi a compiere la jihad direttamente in territorio italiano”. E’ l’allarme contenuto nella relazione annuale dell’intelligence inviata in Parlamento. Gli 007 parlano di “pronunciata esposizione dell’Italia alle sfide rappresentate dal terrorismo jihadista”.

Forse proprio per ieri il premier Paolo Gentiloni, accompagnato dal direttore del Dis Alessandro Pansa ha deciso di convocare una conferenza stampa in cui ha sottolineato che l’Italia è esposta al rischio terrorismo da tempo ma ha anche aggiunto che “il 2017 potrebbe essere l’anno della sconfitta in campo aperto di Daesh, uno scenario che potrebbe cambiare il quadro”.