Benzina, stangata da 30 milioni per italiani in viaggio per il ponte

7 Dicembre 2015, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Dopo Federconsumatori, anche il Codacons lancia allarme per il rialzo del prezzo della benzina. In vista del ponte dell’Immacolata, l’associazione dei consumatori avverte i cittadini in viaggio in queste ore per il ponte dell’8 dicembre, che dovranno mettere in conto una maggiore spesa per i rifornimenti di carburante per un totale pari a complessivi 30 milioni di euro.

“Mentre il petrolio crolla a 40 dollari al barile, sugli automobilisti italiani si abbatterà una nuova stangata determinata dal mancato adeguamento dei prezzi dei carburanti alla pompa”, sostiene il Codacons.

Per questa ragione, il Codacons chiede dunque un intervento urgente da parte del Governo Renzi, “affinché siano adottate misure in grado di vincolare in modo più diretto i listini di benzina e gasolio alle quotazioni internazionali del petrolio“.

Nei giorni scorsi era intervenuta anche la Federconsumatori, secondo la quale nonostante il prezzo del petrolio sia ormai sotto i 40 euro nessun beneficio viene avvertito dai consumatori che fanno il pieno.