Agenda macro sui mercati: ancora trimestrali Usa, raffica di Pmi. Venerdì verdetto S&P su rating Italia  

18 Ottobre 2021, di Redazione Wall Street Italia

 

Sotto il profilo macro la settimana prende il via con i deboli riscontri in arrivo dalla Cina. In particolar modo, gli investitori si concentrano sulle performance del terzo trimestre dell’anno, con il Pil cinese che è salito del 4,9% su base annua, meno della crescita pari a +5,2% attesa dagli analisti. Su base trimestrale, il Pil della Cina è avanzato dello 0,2%, meno del +0,5% stimato dal consensus e contro il precedente aumento dell’1,3%. A pesare sono soprattutto la crisi energetica ma anche i problemi del settore immobiliare con la crisi di Evergrande. Dopo questi dati, gli economisti di ING hanno rivisto al ribasso le stime di crescita del PIl cinese al 4,3% su base annua per il quarto trimestre di quest’anno dal precedente 4,5% su base annua. La previsione per l’intero anno resta per una crescita della seconda economia al mondo al ritmo dell’8,9 per cento.

Il calendario della settimana: ecco i dati in evidenza

Nella seduta di martedì 19 ottobre l’attenzione è rivolta agli Stati Uniti che pubblicano per il comparto immobiliare i permessi edilizi e le nuove costruzioni e sono previsti due interventi Fed (Daly e Walter, entrambi votanti). Il giorno successivo, mercoledì 20 ottobre, si parte con le decisioni sui tassi da parte della Banca Popolare Cinese (PBOC), segue il dato sull’inflazione in UK e i prezzi alla produzione in Germania. Per la zona euro si attende la lettura finale di settembre dell’inflazione. Oltreoceano ancora occhi puntati sulla Fed per il discorso di Quarles (membro votante) e la pubblicazione del Beige Book.  

Nella giornata di giovedì 21 ottobre, in cui è prevista la riunione dei leade dell’Unione europea che discuteranno della crisi energetica in atto, si attendono le decisioni di politica monetaria della banca turca. A livello macro il calendario prevede le nuove richieste di sussidi negli Usa ma anche il Phlilly Fed e le vendite di case esistenti. In usci anche la fiducia dei consumatori della zona euro.

Densa di dati anche l’agenda dell’ultima seduta della settimana. Venerdì 22 ottobre in evidenza i dati preliminari di ottobre relativi ai Pmi servizi e a quello manifatturiero delle principali economie della zona euro ma anche degli Usa. Su quest’ultimo fronte da Mps Capital Services suggeriscono che “sono da tenere sotto osservazione i Pmi preliminari di ottobre, con la componente manifatturiera da tenere particolarmente sotto controllo alla luce delle continue problematiche legate alle catene di approvvigionamento”. A metà mattina è prevista anche la riunione della banca centrale russa.  A mercati chiusi è poi atteso il verdetto sull’Italia di S&P che si pronuncia sul rating.

Stagione utili a Wall Street

Intanto va avanti la stagione delle trimestrali negli Stati Uniti, anche se la settimana clou, come ricordano da Mps Capital Services, sarà a fine ottobre con le Big del settore tech. Nei prossimi giorni si attendono, tra gli altri, i numeri del trimestre di Netflix (19 ottobre); IBM e Tesla (20 ottobre); e Intel (21 ottobre).